Schede Internazionali di Sicurezza Chimica

ANTIMONIO ICSC: 0775

Antimonio nero
Antimonio regulus
Stibium
Sb
Massa atomica: 121.8
ICSC # 0775
CAS # 7440-36-0
RTECS # CC4025000
NU # 2871
TIPO DI RISCHIO/ ESPOSIZIONE RISCHI ACUTI/ SINTOMI PREVENZIONE PRIMO SOCCORSO/
MEZZI ESTINGUENTI
INCENDIO Combustibile in condizioni particolari. Nella combustione libera fumi (o gas) tossici o irritanti.
NO fiamme libere. NO contatto con ossidanti, alogeni, acido(i).
Polvere, spruzzo d'acqua, schiuma, anidride carbonica.
ESPLOSIONE Particelle finemente disperse formano miscele esplosive in aria. Rischio di incendio ed esplosione a contatto con
Prevenire la deposizione di polvere; sistema chiuso, attrezzature elettriche e illuminazione a prova di esplosione di polvere.

ESPOSIZIONE
PREVENIRE LA DISPERSIONE DELLA POLVERE!

  • INALAZIONE
  • Tosse. Vedi Ingestione.
    Aspirazione localizzata o protezione delle vie respiratorie.
    Aria fresca, riposo.
  • CUTE

  • Guanti protettivi.
    Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone.
  • OCCHI
  • Arrossamento. Dolore.
    Occhiali protettivi a mascherina o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie se in presenza di polvere.
    Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente), quindi contattare un medico.
  • INGESTIONE
  • Dolore addominale. Vomito. Diarrea.
    Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro.
    Risciacquare la bocca. SottoporreRichiedi le cure del medico se ti senti indisposto all'attenzione del medico.
    RIMOZIONE DI UN VERSAMENTO IMMAGAZZINAMENTO IMBALLAGGIO & ETICHETTATURA
    Protezione personale: respiratore con filtro P2 per particelle nocive. Raccogliere la sostanza sversata in contenitori sigillabili; se è opportuno preumidificare per evitare la dispersione di polvere.
    Separato da ossidanti acidi, alogeni alimenti e mangimi.
    Non trasportare con alimenti e mangimi.
    UN Classe di Rischio: 6.1
    UN Gruppo di Imballaggio: III
    INFORMAZIONI IMPORTANTI NEL RETRO
    ICSC: 0775 Preparata nel contesto della cooperazione tra l'International Programme on Chemical Safety & la Comissione della Comunità Europea (C) 1999

    Schede Internazionali di Sicurezza Chimica

    ANTIMONIO ICSC: 0775
    D

    A

    T

    I



    I

    M

    P

    O

    R

    T

    A

    N

    T

    I
    STATO FISICO; ASPETTO:
    BLOCCHI BIANCO-ARGENTO, BRILLANTE, DURO, FRIABILE, O POLVERE GRIGIO SCURA.

    PERICOLI FISICI:
    In forma pulverulenta o granulare, è possibile l'esplosione della polvere miscelata con aria.

    PERICOLI CHIMICI:
    Alla combustione, forma fumi tossici (Ossidi di antimonio); vedi ICSC 0012). Reagisce violentemente con ossidanti, , che causa pericolo di incendio e esplosione. A contatto con acidi può emettere gas tossici (Stibina; vedi ICSC 0776.)

    LIMITI DI ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE:
    TLV: 0.5 mg/m³ come TWA (ACGIH 2006).
    MAK:
    Classe di cancerogenicità: 2 Gruppo mutageno per le cellule germinali: 3B
    (DFG 2006).


    VIE DI ESPOSIZIONE:
    La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione dei suoi aerosol.

    RISCHI PER INALAZIONE:
    Una concentrazione dannosa di particelle areodisperse può essere raggiunta rapidamente quando disperso.

    EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE:
    Può causare irritazione meccanica per gli occhi. L'esposizione per inalazione e ingestione potrebbe causare irritazione gastrointestinale.

    EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE:
    Contatti ripetuti o prolungati con la cute possono causare dermatiti, specialmente quando si è esposti ai fumi. La sostanza può avere effetto sui polmoni , causando pneumoconiosi.
    PROPRIETA
    FISICHE
    Punto di ebollizione: 1635 °C
    Punto di fusione: 630 °C
    Densità: 6.7
    g/cm3
    Solubilità in acqua: insolubile
    DATI
    AMBIENTALI

    N O T E
    Altri punti di ebollizione: 1325°C, 1440°C, 1750°C. Applicare le raccomandazioni di questa scheda solo all'antimonio metallico. Vedi ICSC 0012 Antimonio triossido, ICSC 1224 Antimonio tricloruro, ICSC 0220 Antimonio pentafluoruro e ICSC 0776 Antimonio triiduro.
    Transport Emergency Card: TEC (R) - 61GT5-III.
    INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
    VERSIONE INTERNAZIONALE IN ITALIANO
    ICSC: 0775 ANTIMONIO
    (C) IPCS, CEC 1999
    NOTIZIA LEGALE
    IMPORTANTE:
    Né NIOSH, la CEC o il IPCS e neanche le persone che agiscono per conto della CEC o dell'IPCS sono responsabili per l'uso che verrà fatto di queste informazioni. Questa scheda contiene i punti di vista collettivi del comitato di revisione di pari di IPCS e non può riflettere in tutti i casi tutte le prestazioni dettagliate incluse nella legislazione nazionale sull'oggetto. L'utente dovrebbe verificare la conformità delle schede con la legislazione relativa nel paese di uso.